jim-morrison-shelby-mustang-gt500-1

Dove è finita la Shelby Mustang di Jim Morrison?

Un paio di sere fa ho visto in TV un bel documentario sui Doors intitolato When you are strange. Più che la storia della band -che già conoscevo essendo un appassionato di questo storico gruppo rock- mi ha incuriosito vedere la Shelby Mustang di Jim Morrison. A differenza di altre star non credo che il frontman dei Doors fosse un appassionato di motori, eppure nel filmato lo si vede divertirsi al volante di una Shelby GT 500 del ’67 di colore blu Nightmist. All’epoca questo modello rappresentava la versione più performante della Ford Mustang: una bestia mossa da un V8 da 7 litri in grado di sprigionare circa 335 cv e correre piuttosto veloce. Dalle informazioni che ho potuto reperire sul web l’auto in questione sarebbe stata un regalo della casa discografica Elektra Records come premio per celebrare il primo posto in classifica raggiunto dal famosissimo singolo Light My Fire proprio in quell’anno.

 

Ho scoperto anche che le immagini di Morrison alla guida fanno parte di un film intitolato HWY: An American Pastoral, girato nel 1969 e mai pubblicato integralmente. Alcune sequenze del lungometraggio sono state inserite nel documentario in questione e ci danno la possibilità di vedere il “Re Lucertola” mentre sfreccia con la sua Shelby, senza troppi riguardi per quell’auto così costosa ed esclusiva (all’epoca il suo prezzo era esattamente il doppio di una Ford Mustang standard). Mi ha stupito non poco la presenza del cambio manuale: avrei scommesso che un acquirente poco interessato alle macchine sportive avrebbe certamente acquistato la GT500 con la trasmissione automatica. Ma evidentemente anche Jim non era così insensibile al fascino della guida!

jim-morrison-shelby-mustang-gt500-2

Jim Morrison con la sua Shelby Mustang GT500

Ciò che mi ha spinto a scrivere questo post non è tanto la rarità o la potenza della GT500, ma la fine misteriosa di questa vettura. Della Shelby Mustang di Jim Morrison -che lo stesso cantante aveva ribattezzato The Blue Lady– si sono perse le tracce già al termine degli anni Sessanta e da allora si è creato un certo interesse intorno ad essa. In primo luogo perché sarebbe già di per sé una vettura da collezionisti, ma soprattuto per il valore aggiunto che solo un ex-proprietario così celebre potrebbe darle. Ci sono almeno tre versioni sulla possibile sorte di questa GT500, ma forse sarebbe il caso di parlare di leggende, perché in tutti i casi si tratta di ipotesi che non hanno mai trovato una conferma definitiva. Vediamo di prenderle in esame insieme:

  1. La prima teoria è forse quella più suggestiva per via del finale rocambolesco. Secondo questo racconto, Jim Morrison avrebbe schiantato la sua Shelby GT500 contro un palo della luce mentre guidava a forte velocità sul Sunset Boulevard di Los Angeles. Uscito indenne dall’incidente, sarebbe rimasto attonito davanti alla Mustang danneggiata, salvo poi decidere di proseguire a piedi verso il locale Whisky a Go Go senza curarsi troppo dell’auto. A fine serata, tornato sul posto, Jim non avrebbe più trovato la Shelby, nel frattempo rimossa da un carro attrezzi. Con un importante tour alle porte, avrebbe presto scordato di recuperare l’auto o quello che ne restava.
  2. La seconda variante sostiene che Morrison abbia abbandonato la Shelby nel parcheggio dell’aeroporto di Los Angeles prima di imbarcarsi per una tournée musicale. Al suo ritorno, avrebbe scoperto che dopo una lunga permanenza  l’auto era stata rimossa dal posteggio e venduta all’asta.
  3. La terza ed ultima ipotesi è relativamente più “banale” e parla semplicemente di alcuni passaggi di proprietà alternati a una serie di incidenti, conclusi con la rottamazione della povera Shelby nei primissimi anni Ottanta. Probabilmente a quei tempi era considerata una semplice vettura usata con più di dieci anni sul groppone, per di più in precarie condizioni…

Nessuna delle tre versioni può contare su riscontri oggettivi ed ognuno è libero di scegliere quella che ritiene più plausibile. Certo è che se dovesse venire alla luce oggi -con il mercato delle auto d’epoca alle stelle- la GT500 di Jim Morrison farebbe la parte della star in qualsiasi asta di settore. Impossibile infine non fare caso alla curiosa analogia tra la scomparsa di questa macchina e quella del suo illustre proprietario, da sempre avvolta nel mistero. Qualcuno sostiene addirittura che Jim potrebbe non essere morto nel 1971, ma abbia semplicemente inscenato la sua fine per rifarsi una vita lontano dai riflettori. Possibile che anche la sua Shelby lo abbia seguito?

Immagini: Hotrod.comJust A Car Guy blog

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui social!
Facebooktwitterlinkedin

Un pensiero su “Dove è finita la Shelby Mustang di Jim Morrison?

  1. Pingback: La mitica (e misteriosa) Mustang Shelby GT 500 di Jim Morrison - NeuroTV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *