porsche-911-turbo-steve-mcqueen-1

La Porsche di McQueen venduta in asta

Un’altra delle auto personalizzate di Steve McQueen spunta un’aggiudicazione elevatissima. Dopo la Ferrari 275 GTB/4 battuta l’anno scorso per oltre 10 milioni di dollari, qualche giorno fa è stato il turno di un’altra granturismo posseduta dal celebre attore americano. Questa volta si tratta della Porsche 911 Turbo del 1976 che fu l’ultima auto speciale di McQueen, scomparso prematuramente nel 1980. Messa all’incanto da Mecum Auctions, è stata venduta per l’incredibile somma di 1.950.000 $, cioè oltre dieci volte l’attuale quotazione del modello standard.

LEGGI ANCHE: Lamborghini, Ferrari e Iso Rivolta nel film Sissignore (1968)

Quando viene lanciata nel 1975, la versione sovralimentata della Porsche 911 rappresenta una delle auto più veloci sul mercato. L’enorme coppia sviluppata dal 6 cilindri boxer impone una trasmissione a sole 4 velocità: sono necessari ingranaggi sovradimensionati e nella scatola del cambio non c’è posto per la quinta marcia. Con una potenza di 260 cv (235 cv per la versione destinata alla California) e una velocità massima di 250 Km/h, la Porsche 911 Turbo è una vettura per cultori della guida sportiva.
Naturale quindi che anche “The King of Cool” ne voglia una per sé. Come sua abitudine non si accontenta di un modello di serie, ma ordina la sua Porsche con alcune caratteristiche particolari.

porsche-911-turbo-steve-mcqueen-2

La Porsche 911 Turbo (1976) di Steve McQueen

Come già avvenuto per altre auto da lui possedute, anche questa volta l’attore americano personalizza la vettura con alcune modifiche mirate che la rendono unica. Il colore innanzitutto: per la sua nuova Porsche 911 Turbo Steve McQueen sceglie una tonalità di grigio fuori catalogo denominata Slate Grey, la stessa già utilizzata per la Porsche 911 2.2 S da lui guidata durante le riprese del film Le Mans e venduta da RM Auctions nel 2011 per 1.375.000 $.
La lista degli accessori include alcuni optional ufficiali proposti dalla casa madre come i sedili sportivi in pelle nera, il tettuccio apribile e il differenziale autobloccante. Un allestimento completo, ma tutto sommato abbastanza ordinario per un auto di questo livello.
Il vero tocco personale del divo americano è però un altro. Come rivela il figlio dell’attore, Chad McQueen, questa 911 Turbo monta infatti un particolare dispositivo che permette di escludere i fari posteriori. Un “trucco” non proprio legale crediamo, voluto forse per dileguarsi in caso di inseguimenti notturni.
In seguito Steve McQueen apporta un’ultima personalizzazione alla sua auto, sostituendo i cerchi in lega di primo equipaggiamento con un nuovo set a canale maggiorato. Una modifica discreta e probabilmente comune tra i possessori di Porsche 911 Turbo.

steve-mcqueen

Steve McQueen

Dopo averla guidata per qualche anno, McQueen rivende la sua 911 Turbo al concessionario Porsche di Hollywood. Successivamente l’auto passa di mano diverse volte ma tutti i nuovi proprietari -forse affascinati dal carisma del primo acquirente- si limitano a conservare la vettura senza modificarla, effettuando solo la necessaria manutenzione. E’ grazie a questa cura che la Porsche 911 Turbo di Steve McQueen giunge fino a noi in condizioni originali, esattamente come era stata voluta da lui.
La cifra record raggiunta in asta conferma come il prestigio di un proprietario famoso possa influenzare in maniera considerevole il prezzo finale. In particolare l’aura di Steve McQueen ha dato prova per l’ennesima volta di essere una garanzia per spuntare aggiudicazioni al top.

 

Immagini: Flatsixes.com; Biography.com

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui social!
Facebooktwitterlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *