Archivi tag: Autodelta

alfa-romeo-33-stradale-1

L’Alfa Romeo 33 Stradale compie 50 anni

Arrivare a mezzo secolo ed essere ancora la macchina più bella del mondo. L’Alfa Romeo 33 Stradale è anche questo, oltre che uno dei punti più alti mai raggiunti dalla Casa milanese. Tutto sommato era e resta un’automobile per cultori, forse meno celebrata rispetto ad altre supercar prodotte nel medesimo periodo e divenute poi famosissime. Il motivo potrebbe risiedere nell’esiguo numero di esemplari prodotti -si dice 18- che dovrebbe comprendere anche quelle splendide concept-car di fine anni ’60 sviluppate sulla stessa base meccanica. Oggi, anche grazie al rilancio del Museo Storico Alfa Romeo, la 33 Stradale riceve tutti gli onori che si merita conquistando a buon diritto un posto nell’olimpo automobilistico. Continua a leggere

giancarlo-baghetti-1

Giancarlo Baghetti: primo al debutto

La sua vittoria all’esordio è un record imbattuto

La vittoria in Formula 1 è un privilegio per pochi, spesso conseguita dopo anni di gavetta nelle squadre di secondo piano. Giancarlo Baghetti rappresenta l’eccezione che conferma la regola, il debuttante che esordisce nientemeno che con una Ferrari. Di famiglia benestante, Baghetti nasce a Milano nel 1934 e inizia a correre con l’Alfa Romeo 1900 del padre. Dopo avere corso per Abarth debutta in Formula Junior nel 1960 con una Dagrada-Lancia. Ottiene alcune vittorie e viene notato dalla FISA, un’associazione di scuderie automobilistiche che si prefigge di aiutare i talenti emergenti del panorama italiano. Grazie ad essa partecipa ad alcune gare con le sport Ferrari, arrivando secondo a Sebring e quinto al Nurburgring. Nello stesso anno gli viene affidata una Ferrari F1 gestita dalla Scuderia Sant’Ambroeus, con la quale disputa i GP non titolati di Siracusa e Napoli. Li vince entrambi, mettendosi dietro gente come Jack Brabham, Jim Clark, Graham Hill e Lorenzo Bandini. Continua a leggere

alfa-romeo-gtam-su-tre-ruote

Alfa Romeo GTAm su tre ruote!

Un fantastico filmato del campionato turismo 1973

 

Una delle caratteristiche più tipiche della Alfa Romeo GTA è l’inconfondibile assetto della vettura nelle curve prese ad alta velocità. Grazie a un particolare tipo di retrotreno messo a punto dall’Autodelta (il famoso “slittone”), l’auto tende ad alzare vistosamente la ruota anteriore interna, percorrendo la traiettoria su tre ruote. In questo filmato relativo ad una gara disputata nel 1973, presumibilmente sul circuito di Zeltweg, si può ammirare una Alfa Romeo GTAm che mostra chiaramente questa particolarità che è rimasta impressa nella memoria degli appassionati di corse. Tra le altre auto impegnate in pista si riconoscono NSU Prinz TT, Alpine-Renault A110 e Ford Escort RS.

alfa-romeo-prove-a-balocco

Alfa Romeo: prove a Balocco

In pista con le Alfa Romeo Giulia GTA 1600 e TZ2

 

In questo magnifico filmato del 1966 vediamo una sessione di prove Alfa Romeo sul circuito di Balocco, il tracciato di prova costruito dalla Casa milanese nella zona di Vercelli. La auto in pista sono la Giulia GTA 1600 e la TZ2, due tra i più famosi modelli da corsa del Biscione. Il circuito è lungo circa 5.5 km e riproduce alcune delle curve più celebri degli autodromi di tutto il mondo, in modo da essere il più completo e vario possibile. Nel corso del filmato appaiono gli ingegneri Orazio Satta Puliga e Carlo Chiti, due figure fondamentali nella storia del marchio Alfa Romeo per quanto concerne la progettazione delle auto. I piloti impegnati nella prova in pista delle auto sono il collaudatore Teodoro Zeccoli, Geki Russo e Andrea De Adamich.

teodoro-zeccoli-alfa-romeo-33

Teodoro Zeccoli, una vita in Alfa Romeo

E’ stato per anni “il” collaudatore della Casa milanese

Ci sono piloti che sono legati a una scuderia. Altri hanno vinto con una certa vettura. Poi c’è chi ha dedicato la propria vita a un marchio, uno solo.
Teodoro Zeccoli è uno di questi. Romagnolo classe 1929, è il collaudatore Alfa Romeo per eccellenza. Dopo un esordio da pilota privato entra in Abarth come pilota-collaudatore. In seguito passa alla ATS, dove svolge il medesimo ruolo. Chiusa la parentesi con la scuderia bolognese, viene chiamato in Autodelta da Carlo Chiti attorno al 1965 ed entra nell’orbita Alfa Romeo. Continua a leggere