presentazione-libro-tino-brambilla-2

Tino Brambilla, presentato il libro

Monza, 29 settembre 2015 – La Sala Talamoni presso la sede de Il Cittadino ha ospitato la presentazione del libro Tino Brambilla – Mi è sempre piaciuto vincere, di cui avevamo già anticipato l’uscita qualche tempo fa. Di fatto si è trattato della seconda presentazione, dal momento che la prima era già avvenuta in occasione del GP d’Italia.

LEGGI ANCHE: Lella Lombardi, la signorina F1

L’orario scelto per l’evento ha forse limitato l’affluenza del pubblico, ma i presenti hanno compensato esprimendo un sincero affetto verso il pilota monzese. Oltre a Brambilla erano presenti in sala l’editore Stefano Nada e l’autore Walter Consonni, che ha raccontato anche il lato umano del campione. Il Tino infatti è sempre stato apprezzato per schiettezza e coerenza, doti che gli hanno consentito di restare se stesso senza scendere a compromessi. Quei compromessi che forse gli avrebbero aperto qualche porta in ambito sportivo, ma per contro avrebbero snaturato uno dei protagonisti più genuini dell’automobilismo italiano.
L’uscita del libro ha dato lo spunto per una retrospettiva sulla Monza di quegli anni, quando le vittorie dei Brambilla -Ernesto e Vittorio- facevano sognare i ragazzi e l’Autodromo era il centro di tutto. Nessuna nostalgia però: è lo stesso Tino a gettare acqua sul fuoco, evitando improbabili confronti tra il presente e quell’epoca irripetibile.

presentazione-libro-tino-brambilla-1

Il libro su Tino Brambilla scritto da Walter Consonni

In fin dei conti chi è Ernesto Brambilla oggi? E’ innanzitutto un uomo che non si lascia andare ai ricordi e all’autocelebrazione. Quando gli chiedono delle sue imprese agonistiche -in primis la vittoria ad Hockenheim con la Ferrari Dino F2- quasi si schermisce, fa sembrare normale un risultato che invece fu eccezionale. Nemmeno il ricordo di Enzo Ferrari in visita nella sua officina in via Della Birona lo smuove, quasi fosse la norma avere di fronte il Drake in persona. Preferisce far parlare i numeri, le vittorie. Le tante vittorie, conquistate in sella alla motocicletta prima e al volante della monoposto poi. Dei piloti attuali non parla o quasi. Dice che i Gran Premi non li guarda più nemmeno alla televisione e non facciamo fatica a credergli.

presentazione-libro-tino-brambilla-3

Presentazione libro Tino Brambilla

Qualcuno tra il pubblico non resiste alla tentazione e gli chiede del mitico “Bar di Stupitt”, che per inciso esisteva davvero ed era il ritrovo di una combriccola di appassionati di motori. Si parla di qualche acrobazia in moto sulle rive del Lambro ma lui smentisce categoricamente. “Tutte pirlate” dice. Ne prendiamo atto, ma ci resta il sospetto che Brambilla -smessi i panni del pilota per quelli di nonno- voglia minimizzare qualche goliardata fatta in gioventù. Nel finale si parla anche di suo fratello Vittorio, sette stagioni in Formula 1 e una incredibile vittoria al GP d’Austria 1975 al volante della March. Si azzarda persino un confronto, gli chiedono se fosse geloso del fratello. “Geloso?” risponde il Tino “Non era mica la mia morosa!”.
Tra applausi e strette di mano la presentazione volge al termine e l’ex pilota ottantaduenne si accinge a tornare a casa… in moto ovviamente!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui social!
Facebooktwitterlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *